VIAGGI

LA CITTA’ FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO

Oggi esploreremo una delle più belle città fantasma del Lazio!

L’Italia è piena di cittadelle e borghi abbandonati, ma nonostante il degrado che accompagna questi vecchi scheletri urbani, il fascino del mistero rimane e l’impulso di esplorarle, soprattutto quando ti trovi in loro prossimità, diventa irresistibile..

Ed è così, per caso, che siamo passati vicino a borgo di  STAZZANO VECCHIO

 

LA CITTA' FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO

Pericolosità del sito: Alta
Quando visitarla: Primavera
Come arrivare: L’unico modo per arrivare è in macchina. Prendendo la strada verso Moricone, c’è la strada per Stazzano Vecchio. Imboccatela e dopo un paio di chilometri di strada asfaltata troverete un percorso di strada sterrata.
Vi conviene lasciare l’auto dove finisce l’asfalto e continuare a piedi.

Dove la sterrata termina, su di un piccolo rialzo, ci sono le rovine di Stazzano vecchio considerato uno dei più bei “paesi fantasma” del Lazio.

Stazzano Vecchio era un antico borgo medievale situato vicino Palombara Sabina. Ignote sono le origini del nome ma fantasie popolari vogliono ricondurle al termine “stazzo” (luogo di sosta).

Il borgo era probabilmente un luogo di partenza da cui raggiungere, tramite mulattiere, i vari stazzi situati sui monti.

Attenzione,  l’accesso è di fatto libero tranne che per il castello.

Ma nonostante questo siamo entrati lo stesso all’interno del borgo…

Una volta varcata la soglia, due cipressi guardiani e un cespuglio di rosmarino ci accolgono.

Guardandoci intorno rimaniamo incantati dal fascino delle antiche rovine del castello.

LA CITTA' FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO

 

Anche il panorama è davvero suggestivo,  da una parte incombe il Monte Gennaro con la vecchia funivia oramai in disuso, mentre dalla parte opposta svetta il Monte Soratte.

Del castello rimangono ancora “intatte” solamente l’antico mastio quadrato e quattro torri circolari con un fossato sul lato dell’abitato, mentre del tessuto urbano originario, si può riconoscere ancora la zona absidale della diroccata Chiesa di Santa Maria e i due corsi principali, delimitati da edifici in vario stato di degrado.

LA CITTA' FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO

 

Abbiamo fatto un breve giro nella città fantasma stando molto attenti a non entrare dentro i vecchi  edifici, né dentro la torretta.

Dal pessimo stato in qui sono ridotti, non so ancora quanto rimarranno in piedi, specialmente la vecchia torretta ..

LA CITTA' FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO
La torretta.

Di Stazzano comunque si sa poco o niente: la sua antropizzazione dovrebbe risalire all’epoca costantiniana ( 306 al 363) mentre le fortificazioni vennero realizzate nell’Alto Medioevo, forse per iniziativa della non lontana Abbazia di Farfa, e successivamente ristrutturate dai Savelli e dagli Orsini.

La fine di Stazzano fu decretata il  24 aprile 1901, quando un terremoto calcolato all’VIII grado della Scala Mercalli, l’ultimo di una fitta lista di scosse storicamente documentate dal XVIII al XX secolo distrusse la città facendo scappare gli abitanti.

Il terremoto fortunatamente non fece vittime e gli abitanti si trasferirono a Stazzano Nuovo, lasciando così il borgo antico immerso nella natura della campagna sabina.

LA CITTA' FANTASMA DI STAZZANO VECCHIO
Ulivi dentro la città di Stazzano vecchio, quanti anni avranno?

 

E questo è tutto! Mi raccomando se volte visitare stazzano vecchio state molto attenti e non entrate dentro la cittadella perchè non so ancora quanto potranno ancora reggere gli edifici.

Baci da Izumi

 

ALTRE CITTA’ FANTASMA DEL LAZIO:

MONTERANO

 

 

Domina Historia

Storia, Cultura e Biografie con un tocco NERD!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!